Io chiedo di più al mio Farmacista

Aritmie cardiache: cause, sintomi ed esami

19/07/16 10.47 / da Medicorner

aritmie.jpg

 

L’aritmia cardiaca è un disturbo specifico del cuore, si tratta di una sua irregolarità nel battito. Il battito può essere troppo veloce o troppo lento rispetto al normale.

Ci sono vari tipi di aritmie, alcune non particolarmente pericolose e altre che invece richiedono controlli medici accurati.

Le aritmie cardiache

L’aritmia è un’irregolarità nel battito del cuore che può essere più veloce o più lento del normale. Il trattamento delle aritmie avviene solitamente con dei farmaci che vanno assunti per lungo tempo. Più raramente viene eseguita un’operazione chirurgica per impiantare un pacemaker.

In generale aritmia cardiaca è l’espressione utilizzata per indicare condizioni differenti:

  • Ritmo cardiaco troppo veloce
  • Ritmo cardiaco troppo lento
  • Ritmo cardiaco irregolare

 

Trova il Medicorner più vicino a te

 

Si parla di tachicardia quando il ritmo cardiaco è troppo veloce e di bradicardia quando invece è troppo lento.

La contrazione muscolare del cuore avviene grazie ad una piccola corrente elettrica che attiva i muscoli stessi. La corrente si avvia da una zona interna al cuore chiamata nodo senoatriale, esso permette la contrazione degli atri che pompano sangue ai ventricoli.

L’aritmia può sopraggiungere se:

  • Il nodo senotriale non permette abbastanza battiti del cuore,
  • Il ritmo del nodo diventa anormale,
  • Il circuito elettrico del cuore viene interrotto, portando i ventricoli a battere separatamente dagli atri.

 

Cause dell'aritmia

Le aritmie cardiache possono avere diverse cause:

  • Disturbo congenito: alcune persone presentano un ritmo cardiaco irregolare fin dalla nascita,
  • Tabacco, alcolici e caffeina possono indurre aritmia,
  • Alcuni farmaci possono provocare aritmia,
  • Anche le malattie del cuore possono causare l’aritmia. Tra le ragioni più comuni dell’aritmia ci sono l’infarto e la dilatazione del cuore.
  • La tiroide sovrafunzionante può condurre all’aritmia.

 

Sintomi dell'aritmia

Quando il ritmo del cuore è irregolare il paziente potrebbe avvertire dei sintomi che riguardano la zona del petto:

  • Palpitazioni,
  • Dolori molto intensi,
  • Pulsazioni,
  • Provare la sensazione del cuore che sembra non battere,
  • Nei casi di aritmie gravi, il paziente potrebbe provare debolezza e vertigini.

Ogni paziente dovrebbe sapere come controllare le proprie pulsazioni. Basta appoggiare l’indice e il medio di una mano sul polso (nella parte più vicina al pollice) dell’altra mano. Bisogna contare i battiti per 15 secondi. Moltiplicando i battiti per 4 conoscerete i battiti al minuto. Per un adulto i battiti al minuto vanno dai 60 ai 90. Mediamente l’uomo ha una frequenza cardiaca (battiti al minuto) di 70 bpm e la donna di 75bpm. Fanno eccezione gli sportivi allenati che spesso hanno un ritmo più basso.

 

Gli esami per la diagnosi

Tra i principali esami che vengono prescritti per approfondire eventuali aritmie cardiache ci sono:

  • ECG o elettrocardiogramma: questo esame viene utilizzato per diagnosticare l’aritmia cardiaca. Degli elettrodi, posti sul petto del paziente, registrano l’attività elettrica del cuore,
  • Alcune aritmie non si presentano in modo costante e per questo motivo può essere necessario svolgere un Holter cardiaco che va a monitorare il cuore in un arco di 24 ore.

 

Medicorner: le prestazioni di sanità leggera in Farmacia

Medicorner è un servizio grazie al quale potrai svolgere esami diagnostici e analisi e ricevere assistenza infermieristica direttamente in Farmacia. Nei Medicorner troverai personale infermieristico competente e certificato e le più moderne apparecchiature di diagnostica professionale.

Medicorner si prende in carico il paziente e lo accompagna in tutto il suo percorso di cura.

 

Medicorner

Topics: Cardiologia

Iscriviti al nostro blog!